4th. Balatonfüred International Guitar Festival

lazzari-pering2

nella foto: Daniele Lazzari e Thomas Müller-Pering (Cologne, 1958)

Nella settimana tra il 20 ed il 27 ho partecipato, con grande piacere, alla quarta edizione del Festival Chitarristico Internazionale di Balatonfured, località turistica di elite sul lago Balaton, Ungheria. Il programma comprendeva varie masterclass, esposizione e vendita di chitarre da studio e di alta liuteria (Paolo Coriani e Daniel Zucali), esposizione delle edizioni Chanterelle Verlag e dei negozi di chitarre e accessori Segovia e Kil.hu, entrambi di Budapest, concerti serali con nomi di grande richiamo delle sei corde e concerti pomeridiani. Purtroppo ci sono state variazioni inaspettate al programma dei concerti che inizialmente comprendeva, fra gli altri, la partecipazione dell’inglese Paul Galbraith, dell’americano  Elliot Fisk e della cinese Xuefei Yang. In ogni modo questi artisti sono stati validamente sostituiti dagli ungheresi Andras Csaki e Sandor Silvagyi e dall’eccellente Gabriel Bianco. Quest’ultimo, a mio avviso la vera rivelazione del festival, ha tenuto letteralmente incollata l’attenzione del pubblico che è stato portato per mano attraverso un percorso musicale completo, un’esposizione accurata e fascinosa delle opere proposte nel concerto. Non da meno sono stati gli altri più affermati e conosciuti artisti dei quali non si può negare il grande fascino e lo stile personale e completo del far musica. Parlo di Zoran Dukic e Thomas Muller-Pering. E’ stato lasciato spazio anche alla musica da camera con il concerto inaugurale del duo Krysztof Pelech-Jan Jakub Bokun (chitarra e clarinetto) e con Giampaolo Bandini e Cesare Chiacchiaretta (chitarra e bandoneon) che hanno presentato un programma tutto dedicato al tango argentino, facendo respirare al pubblico l’intrigante e passionale atmosfera da bordello, talvolta infiammandolo con brani più ritmati. L’ultimo concerto, come da tradizione del festival, era dedicato al flamenco. Nonostante i contrattempi, tutto è stato cordinato in maniera impeccabile da Zita e József Eötvös che fra l’altro ha tenuto un’interessantissima masterclass.

zoran

Zoran Dukic (Zagreb, 1969) – foto di D. Lazzari

Balatonfüred è un paese di rara bellezza, immerso completamente nel verde e sinceramente mi è capitato raramente di vedere alberi, piante e fiori, tanto belli e curati nei minimi particolari, un lago  variopinto e popolato di pesci e uccelli così belli, fra cui cigni ed anatre in gran numero. Eleganti barche a vela (molte veramente lussuose!) ormeggiano nel porticciolo. Le spiagge sono prati verdi curati con minuzia di particolari e non mancano i divertimenti per grandi e piccini: giochi all’aperto, piscine ma anche pubs, night clubs etc..

Peccato davvero per il tempo che è stato inclemente e non ha permesso di sfruttare i tre ingressi gratuiti alla spiaggia che facevano parte della quota di partecipazione al festival. In ogni modo, il maltempo non ha fermato tutte le attività previste. Infatti, oltre al Festival Internazionale di Chitarra, negli stessi giorni si svolgevano il Festival del Vino e il Festival della Bicicletta con degustazioni, gare, spettacoli di tutti i generi: in acqua, in cielo, in terra!

Tirando le somme di questa esperienza, direi che è stata pienamente positiva: mi ha permesso di conoscere persone e  di presentarmi ai colleghi oltre che ad approfondire un pochino le amicizie. I concerti, le masterclass, le cene e la possibilità di dialogare con artisti della chitarra così affermati mi hanno stimolato molto, ispirato oserei dire. Sono contento sopratutto di aver trascorso quella settimana insieme alla mia amata Juli, che proprio la meritava una vacanza!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s