Un pò di storia

La mia è una grande famiglia. Tutto merito dell’uomo che vedete ritratto in questa foto da ragazzo mentre suona il violino. Si tratta di mio nonno Giuseppe Tramutoli di cui, in realtà, so poco. Quando morì, io avevo appena 7 anni e poco frequentavamo casa sua a causa del fatto che si era risposato dopo la morte della prima moglie, la madre di mia madre che si chiamava Rita Rosiello. Quest’uomo, fortemente religioso a quanto si dice, ha generato 13 figli di cui undici con la prima moglie e due con la seconda moglie. La prima figlia si chiamava Maristella e morì ad 1 anno d’età. Si chiamava proprio come mia madre che fu la prima dei 10 figli di Giuseppe e Rita. Giuseppe si laureò in Lettere ed in Giurisprudenza e divenne Giudice del Tribunale dei Minori. Dopo qualche anno abbandonò questa professione, forse perchè sentiva gravoso il compito di decidere il destino di quegli sfortunati ragazzi. In seguito, divenne professore di Latino e Greco al Liceo Classico e questa fu la sua ultima professione. Era anche impegnato in politica, era un idealista. Casa sua era frequentata anche da qualche futuro primo ministro della Repubblica Italiana (non faccio nomi!).

Mia nonna Rita, che purtroppo morì alla giovane età di 38 anni, invece era figlia di Rocco Rosiello. Rocco era scultore del legno, dirigeva una scuola d’Arte. Fu insignito di medaglia d’oro alla Biennale di Venezia, non so esattamente in quale anno. Rita era un’eccellente pittrice: i suoi quadri sono stupendi. La sua arte venne trasmessa ai figli, molti dei quali ancora dipingono più o meno professionalmente, con discreto successo. Nella foto che ho inserito si vede il bisnonno Rocco con mia nonna Rita con in braccio Anna (4). Da destra si vede: mia madre Maristella (1), poi Renato Lucrezio (3) e Alfredo (2). Gli altri figli di Giuseppe e Rita sono: Maria Assunta (5), Pio Rocco (6), Lilla (7), Mariano (8), Giancarlo (9), Valerio (10). Cosa fanno? Mia madre lavorava all’archivio nazionale ed all’antica e prestigiosa biblioteca della mia città, poi abbiamo: filosofo – pittore, dirigente Eni – pittore, preside, impiegata presidenza della Regione, chirurgo di fama stile ER, insegnante di educazione artistica, direttore dell’ufficio geologico della Regione – professore universitario – pittore, bancario – scrittore e poeta di successo – pittore, astrofisico – ricercatore – docente universitario. Come cugini in totale siamo 17. Se si considerano anche i coniugi degli zii e dei cugini ed i figli di questi ultimi… tutto è sempre in evoluzione, quindi …ehmm… troppo difficile il calcolo!

Advertisements

3 thoughts on “Un pò di storia

  1. Tutto bellissimo…ma ricordati che il tuo cognome è LAZZARI…quindi…PARLA ANCHE UN PO\’ DI NOI!!! Ciao Cuggi!!!

    Like

  2. Ciao Ivana,
    come dice il titolo, questa è solo "un pò di storia". Questo non vuol dire che mi sono dimenticato dell\’altra parte della famiglia. Anche gli altri cugini non ho nominato, ho solo enumerato. In definitiva, questo è solo un commento alle due fotografie. Altre foto non posso inserire perchè ho raggiunto il limite mensile. Visto che siamo in argomento, mi piacerebbe che qualcuno completasse la parte di nonna Maria su Genoom.
    Grazie del commento!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s